Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7881 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 359

Mercoledì, 08 Novembre 2017

Prevenzione del tail biting: misure a confronto

  • Necessaria una combinazione di misure preventive per ridurre il rischio al livello dei suini caudectomizzati
Vota questo articolo
(0 Voti)

Schermata 2017 11 08 alle 09.53.41Uno dei problemi dell’allevamento intensivo del suino sono le lesioni della coda causate dal tail biting (morsicatura della coda), spesso affrontato dagli allevatori con la caudectomia. Tuttavia, il taglio della coda non è una misura preventiva ottimale per questa condizione e sarebbero preferibili alternative. Uno studio ha indagato l’effetto relativo di tre possibili misure preventive delle lesioni della coda. Si includevano 112 recinti con 1624 suini in finissaggio suddivisi in quattro batterie. I recinti venivano assegnati a caso a uno di due livelli di 3 trattamenti: (1) caudectomia (n=60 recinti) v. non caudectomia (n=52 recinti), (2) presenza di 150 g di paglia per suino al giorno su pavimento solido (n=56 recinti) v. assenza di paglia (n=56 recinti), (3) densità di stabulazione di 1,21 m2/suino (11 suini/recinto; n=56 recinti) v. 0,7 3 m2/suino (18 suini/recinto; n=56 recinti).

Si registravano le lesioni della coda tre volte alla settimana durante tutto il periodo di finissaggio valutando la coda di ciascun suino. Un recinto veniva considerato come affetto da lesioni della coda e non più incluso nello studio se almeno un soggetto aveva una ferita della coda sanguinante; quindi, si registrava solo la prima comparsa di lesioni della coda nel recinto.

I dati venivano analizzati secondo regressione di Cox a rischi proporzionali per l’analisi di sopravvivenza. I risultati sono presentati come rischi e un rischio maggiore significa che un recinto ha un rischio maggiore di lesioni della coda e che queste si verifichino più precocemente durante il periodo di finissaggio.

I recinti con suini non caudectomizzati avevano un rischio 4,32 volte maggiore di lesioni della coda rispetto a quelli con suini caudectomizzati. I recinti senza presenza di paglia avevano un rischio 2,22 volte maggiore di lesioni della coda rispetto ai recinti con presenza di paglia. Non si osservavano interazioni tra i trattamenti ma l’effetto della caudectomia era maggiore rispetto all’effetto della disponbilità di paglia. La densità di stabulazione non aveva un effetto significativo sul rischio di lesioni della coda. Tuttavia, una combinazione tra disponibilità di paglia e minore densità di stabulazione era associata a un rischio di lesioni della coda simile a quello del solo taglio della coda.

In conclusione, il taglio della coda e la presenza di paglia erano misure preventive contro le lesioni della coda e la caudectomia riduceva il rischio più della presenza di paglia. E’ necessaria una combinazione di misure preventive per ridurre il rischio di lesioni della coda nei suini non caudectomizzati allo stesso livello dei suini caudectomizzati, concludono gli autori.

Per leggere l’articolo completo devi fare login con i tuoi codici EGO.




Letto 1926 volte Ultima modifica il Mercoledì, 08 Novembre 2017 10:01

vetchannel nero

VETCHANNEL.IT
La formazione professionale on demand
quando vuoi, dove vuoi.

Vetpedia

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares