Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7842 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 359

Mercoledì, 13 Dicembre 2017

Esame neurologico del cavallo: accordo tra gli esaminatori

  • Soggettività e notevole variabilità di risultati nell’esame di diverse categorie di problemi
Vota questo articolo
(0 Voti)

Schermata 2017 12 13 alle 16.55.31Uno studio ha indagato il grado di accordo tra veterinari internisti certificati nell’effettuazione dell’esame neurologico del cavallo. Si includevano in uno studio epidemiologico prospettico 97 cavalli visitati presso l’Università dell’Ohio. I cavalli venivano visitati da un medico internista responsabile della loro cura e in seguito da un internista che non conosceva il problema iniziale e altri dati anamnestici del paziente.

Complessivamente, gli esaminatori concordavano sul fatto che 60/97 cavalli (61,9%) fossero clinicamente non normali e 21/97 (21,%) clinicamente normali mentre lo stato di 16/97 (16.5%) soggetti era contestato.

Vi era un accordo completo tra gli esaminatori rispetto ai segni dei nervi cranici e ai movimenti involontari. Era presente un disaccordo sulla gravità dei segni clinici in 31 cavalli, 25 dei quali (80,6%) erano considerati normali o lievemente affetti dall’osservatore primario.

Quando si esaminavano i risultati di tutte le coppie di esami clinici per 11 diverse categorie, era presente una notevole variabilità di risultati. Quando gli esaminatori classificavano la presenza o assenza di un’anomalia neurologica, zoppia o atassia, l’accordo tra gli osservatori era buono o eccellente nell’80% dei casi. Quando si valutava l’ondeggiamento del tronco l’accordo tra gli osservatori era buono o eccellente nel 60% dei casi. Quando si valutavano l’asimmetria o i deficit, l’accordo era buono o eccellente nel 43% dei casi. L’accordo era eccellente o buono solo nel 20% dei casi quando si valutava l’atrofia muscolare, l'ipermetria e nella valutazione complessiva della gravità delle anomalie neurologiche.

Lo studio sottolinea la soggettività dell’esame neurologico e mostra che un livello ragionevole di accordo può essere ottenuto quando diversi clinici esaminano lo stesso soggetto.

Per leggere l’articolo completo devi fare login con i tuoi codici EGO.




Letto 1565 volte Ultima modifica il Mercoledì, 13 Dicembre 2017 17:00

vetchannel nero

VETCHANNEL.IT
La formazione professionale on demand
quando vuoi, dove vuoi.

Vetpedia

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares