Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7842 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Venerdì, 21 Gennaio 2022

Utilizzo dell'esmololo per il trattamento della tachicardia nel cane e nel gatto

  • Nel 46% dei casi è stata raggiunta una riduzione della frequenza cardiaca uguale o superiore al 20%
Vota questo articolo
(0 Voti)

cat 2603395 1920 1L’obiettivo del presente studio era quello di descrivere le indicazioni cliniche e la risposta al trattamento in cani e gatti trattati con esmololo.

Sono stati inclusi, in modo retrospettivo, 22 cani e 6 gatti afferenti presso un singolo ospedale veterinario universitario. Gli animali inclusi hanno ricevuto un bolo o un bolo + CRI di esmololo. Ventidue animali sono stati trattati per una tachicardia sopraventricolare o sinusale, 5 sono stati trattati per una tachicardia ventricolare e 1 caso per fibrillazione atriale. L'esmololo è stato usato più frequentemente nei cani (N = 9) che avevano ingerito una tossina come l'albuterolo, l'anfetamina o il cioccolato. Il successo terapeutico è stato definito come una riduzione della frequenza cardiaca uguale o superiore al 20%.

Per leggere l’articolo completo devi fare login con i tuoi codici EGO.


Antonio Maria Tardo Med Vet PhD Student

Letto 695 volte Ultima modifica il Lunedì, 17 Gennaio 2022 21:07

vetchannel nero

VETCHANNEL.IT
La formazione professionale on demand
quando vuoi, dove vuoi.

Vetpedia

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares