Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7842 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 04 Luglio 2022

Fattori di rischio per l'infezione da SARS-CoV-2 nel cane e nel gatto

  • Il 2% dei tamponi dei cani e il 7,7% dei gatti erano positivi alla PCR
Vota questo articolo
(0 Voti)

image 52272 800Nel presente studio sono stati analizzati, mediante PCR quantitativa per SARS-CoV-2, i tamponi ottenuti da animali domestici conviventi con casi umani di COVID-19 e sono stati intervistati i proprietari degli animali per identificare i fattori di rischio associati all'infezione e alla sieropositività. Inoltre, sono stati analizzati i campioni di siero ottenuti da animali domestici, animali residenti nei rifugi e casi afferenti presso cliniche veterinarie per valutare la presenza di anticorpi contro la proteina spike.

I risultati hanno mostrato che il 2% (1/49) dei tamponi ottenuti dai cani e il 7,7% (5/65) dai gatti erano positivi alla PCR; inoltre, il 41% dei campioni di siero canino e il 52% felino erano positivi per SARS-CoV-2 IgG o IgM. La probabilità di sieropositività SARS-CoV-2 era maggiore per i gatti che dormivano sui letti dei proprietari e per cani e gatti che avevano contratto una nuova malattia. La sieropositività nei campioni ottenuti in clinica è stata del 16% (35/221); invece, negli animali dei rifugi la sieropositività è risultata essere del 9,3% (7/75).

Per leggere l’articolo completo devi fare login con i tuoi codici EGO.


Antonio Maria Tardo Med Vet PhD Student

Letto 417 volte Ultima modifica il Domenica, 03 Luglio 2022 11:32

vetchannel nero

VETCHANNEL.IT
La formazione professionale on demand
quando vuoi, dove vuoi.

Vetpedia

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares