Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7881 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Lunedì, 31 Marzo 2008

Fibrosi polmonare multinodulare: una nuova malattia equina

  • Su JAVMA gli aspetti clinici di una patologia interstiziale associata a EHV-5
Vota questo articolo
(0 Voti)

Fibrosi polmonare multinodulare: una nuova malattia equinaUno studio descrive per la prima volta gli aspetti clinici di una malattia polmonare interstiziale del cavallo il cui quadro anatomopatologico è stato recentemente descritto (Equine Multinodular Pulmonary Fibrosis: A Newly Recognized Herpesvirus-Associated Fibrotic Lung Disease), la fibrosi polmonare multinodulare associata alla presenza di EHV-5 (Herpesvirus equino tipo 5)

Cinque cavalli venivano visitati a causa di inappetenza, dimagrimento, febbre, tosse, dispnea e distress respiratorio, associati variabilmente a tachicardia, tachipnea, aumento dello sforzo respiratorio, scadimento delle condizioni generali e scolo nasale. La valutazione radiografica ed ecografica delle vie respiratorie inferiori rivelava la presenza di un grave quadro interstiziale nodulare.

L'esame istologico del tessuto polmonare rivelava espansione interstiziale del parenchima alveolare dovuta al collagene, accumulo intraluminale alveolare di neutrofili e macrofagi e occasionali corpi inclusi intranucleari nei macrofagi alveolari. In tutti i casi, nei campioni bioptici di tessuto polmonare, nel lavaggio broncoalveolare o in entrambi si identificava mediante PCR la presenza di EHV-5. Si poneva una diagnosi di fibrosi polmonare multinodulare equina (EMPF), definizione della malattia proposta degli autori nella precedente sopracitata descrizione patologica.

I cavalli venivano trattati mediante terapia di supporto e somministrazione di agenti farmacologici diversi tra cui corticosteroidi e acyclovir. Due cavalli sopravvivevano ritornando al precedente livello di attività. Tre soggetti venivano invece soppressi a causa del peggioramento delle condizioni cliniche (n = 2) o del mancato miglioramento dopo quattro settimane di trattamento (1).

La EMPF, concludono gli autori, dovrebbe essere considerata nella diagnosi differenziale delle polmoniti interstiziali del cavallo adulto e dovrebbe essere sospettata sulla base degli aspetti radiografici, ecografici e istopatologici caratteristici. Il virus EHV-5 è associato a EMPF; sebbene l'esatto ruolo patogeno di questo virus nella malattia sia sconosciuto, questo agente è verosimilmente l’agente eziologico o un cofattore nello sviluppo di EMPF.








“Multinodular pulmonary fibrosis in five horses” David M. Wong, Rodney L. Belgrave, Kurt J. Williams, Fabio Del Piero, Cody J. Alcott, Steven R. Bolin, Celia M. Marr, Rose Nolen-Walston, Ronald K. Myers, Pamela A. Wilkins Journal of the American Veterinary Medical Association. March 15, 2008, Vol. 232, No. 6, Pages 898-905

Articolo full text disponibile nel pdf allegato



Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Fibrosi polmonare multinodulare: una nuova malattia equinaUno studio descrive per la prima volta gli aspetti clinici di una malattia polmonare interstiziale del cavallo il cui quadro anatomopatologico è stato recentemente descritto (Equine Multinodular Pulmonary Fibrosis: A Newly Recognized Herpesvirus-Associated Fibrotic Lung Disease), la fibrosi polmonare multinodulare associata alla presenza di EHV-5 (Herpesvirus equino tipo 5)

Cinque cavalli venivano visitati a causa di inappetenza, dimagrimento, febbre, tosse, dispnea e distress respiratorio, associati variabilmente a tachicardia, tachipnea, aumento dello sforzo respiratorio, scadimento delle condizioni generali e scolo nasale. La valutazione radiografica ed ecografica delle vie respiratorie inferiori rivelava la presenza di un grave quadro interstiziale nodulare.

L'esame istologico del tessuto polmonare rivelava espansione interstiziale del parenchima alveolare dovuta al collagene, accumulo intraluminale alveolare di neutrofili e macrofagi e occasionali corpi inclusi intranucleari nei macrofagi alveolari. In tutti i casi, nei campioni bioptici di tessuto polmonare, nel lavaggio broncoalveolare o in entrambi si identificava mediante PCR la presenza di EHV-5. Si poneva una diagnosi di fibrosi polmonare multinodulare equina (EMPF), definizione della malattia proposta degli autori nella precedente sopracitata descrizione patologica.

I cavalli venivano trattati mediante terapia di supporto e somministrazione di agenti farmacologici diversi tra cui corticosteroidi e acyclovir. Due cavalli sopravvivevano ritornando al precedente livello di attività. Tre soggetti venivano invece soppressi a causa del peggioramento delle condizioni cliniche (n = 2) o del mancato miglioramento dopo quattro settimane di trattamento (1).

La EMPF, concludono gli autori, dovrebbe essere considerata nella diagnosi differenziale delle polmoniti interstiziali del cavallo adulto e dovrebbe essere sospettata sulla base degli aspetti radiografici, ecografici e istopatologici caratteristici. Il virus EHV-5 è associato a EMPF; sebbene l'esatto ruolo patogeno di questo virus nella malattia sia sconosciuto, questo agente è verosimilmente l’agente eziologico o un cofattore nello sviluppo di EMPF.








“Multinodular pulmonary fibrosis in five horses” David M. Wong, Rodney L. Belgrave, Kurt J. Williams, Fabio Del Piero, Cody J. Alcott, Steven R. Bolin, Celia M. Marr, Rose Nolen-Walston, Ronald K. Myers, Pamela A. Wilkins Journal of the American Veterinary Medical Association. March 15, 2008, Vol. 232, No. 6, Pages 898-905

Articolo full text disponibile nel pdf allegato



Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per leggere l’articolo completo devi fare login con i tuoi codici EGO.

Scritto da
Super User

Letto 1720 volte

vetchannel nero

VETCHANNEL.IT
La formazione professionale on demand
quando vuoi, dove vuoi.

Vetpedia

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares