Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7881 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Mercoledì, 01 Aprile 2015

Ipertiroidismo felino: strategie terapeutiche e di monitoraggio più comuni

  • Terapia medica per via orale scelta da più del 60% dei veterinari di uno studio. Variabili le modalità di monitoraggio
Vota questo articolo
(0 Voti)

Ipertiroidismo felino: strategie terapeutiche e di monitoraggio più comuniL’ipertiroidismo felino è diagnosticato comunemente nella pratica clinica generale.
Uno studio ha valutato le opinioni e le esperienze dei medici veterinari pratici inglesi nel trattamento di questa patologia.
Gli aspetti valutati includevano le modalità di trattamento preferite e il monitoraggio dei soggetti trattati con terapia medica in relazione ai valori di tiroxina (T4), alle patologie concomitanti e alle reazioni avverse ai farmaci.

Completavano un questionario online di 31 domande 603 veterinari. L'opzione terapeutica preferita erano i farmaci per via orale (65,7% dei rispondenti), seguiti dalla tiroidectomia (27,5%) e dalla terapia con iodio radioattivo (5,5%). Quando si escludeva il costo del trattamento come fattore da considerare, sceglievano la terapia con iodio radioattivo significativamente più intervistati (40,5%, P <0,001).

Riguardo i valori di T4 totali da raggiungere durante il trattamento medico, il 43,4% aveva come obiettivo la metà inferiore dell'intervallo di riferimento (RI), il 32,3% qualsiasi valore nell'ambito dell’RI, il 13,1% la metà superiore dell’RI e lo 0,5% un valore superiore all’RI; il 3,4% valutava l'efficacia soltanto mediante esame clinico.

In presenza di nefropatia cronica (CKD) gli intervistati avevano una probabilità significativamente maggiore di avere come obiettivo valori di T4 totale nella metà superiore dell’RI (40,3%) o superiori ad esso (9,8%), in confronto agli obiettivi dei casi standard (P <0,001). La valutazione della CKD dopo l'inizio del trattamento o dell'ipertensione non veniva effettuata costantemente.

La variabilità delle strategie di monitoraggio può causare la mancata identificazione della CKD o dell'ipertensione, l'inadeguata soppressione dei livelli di T4 nei gatti con concomitante CKD e il ritardato riconoscimento di anomalie ematologiche potenzialmente significative, concludono gli autori


“Medical management and monitoring of the hyperthyroid cat: a survey of UK general practitioners.” Paul Higgs; Jane K Murray; Angie Hibbert. J Feline Med Surg. October 2014; 16(10): 788-95.



Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ipertiroidismo felino: strategie terapeutiche e di monitoraggio più comuniL’ipertiroidismo felino è diagnosticato comunemente nella pratica clinica generale. Uno studio ha valutato le opinioni e le esperienze dei medici veterinari pratici inglesi nel trattamento di questa patologia. Gli aspetti valutati includevano le modalità di trattamento preferite e il monitoraggio dei soggetti trattati con terapia medica in relazione ai valori di tiroxina (T4), alle patologie concomitanti e alle reazioni avverse ai farmaci.

Completavano un questionario online di 31 domande 603 veterinari. L'opzione terapeutica preferita erano i farmaci per via orale (65,7% dei rispondenti), seguiti dalla tiroidectomia (27,5%) e dalla terapia con iodio radioattivo (5,5%). Quando si escludeva il costo del trattamento come fattore da considerare, sceglievano la terapia con iodio radioattivo significativamente più intervistati (40,5%, P <0,001).

Riguardo i valori di T4 totali da raggiungere durante il trattamento medico, il 43,4% aveva come obiettivo la metà inferiore dell'intervallo di riferimento (RI), il 32,3% qualsiasi valore nell'ambito dell’RI, il 13,1% la metà superiore dell’RI e lo 0,5% un valore superiore all’RI; il 3,4% valutava l'efficacia soltanto mediante esame clinico.

In presenza di nefropatia cronica (CKD) gli intervistati avevano una probabilità significativamente maggiore di avere come obiettivo valori di T4 totale nella metà superiore dell’RI (40,3%) o superiori ad esso (9,8%), in confronto agli obiettivi dei casi standard (P <0,001). La valutazione della CKD dopo l'inizio del trattamento o dell'ipertensione non veniva effettuata costantemente.

La variabilità delle strategie di monitoraggio può causare la mancata identificazione della CKD o dell'ipertensione, l'inadeguata soppressione dei livelli di T4 nei gatti con concomitante CKD e il ritardato riconoscimento di anomalie ematologiche potenzialmente significative, concludono gli autori


“Medical management and monitoring of the hyperthyroid cat: a survey of UK general practitioners.” Paul Higgs; Jane K Murray; Angie Hibbert. J Feline Med Surg. October 2014; 16(10): 788-95.



Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per leggere l’articolo completo devi fare login con i tuoi codici EGO.

Scritto da
Super User

Letto 3009 volte Ultima modifica il Lunedì, 03 Ottobre 2016 11:41

vetchannel nero

VETCHANNEL.IT
La formazione professionale on demand
quando vuoi, dove vuoi.

Vetpedia

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares