Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7842 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Visualizza articoli per tag: Cane

polyuria dogI glucocorticoidi vengono ampiamente utilizzati in ambito dermatologico per trattare patologie allergiche canine, ma spesso causano poliuria e polidipsia (PUPD). A dosaggi sovrapponibili, si ritiene che il metilprednisolone somministrato per via orale causi meno PUPD rispetto al prednisolone. Gli autori hanno condotto uno studio randomizzato, utilizzando i dati di 22 cani affetti da dermatite atopica (AD) non stagionale; tali pazienti hanno ricevuto prednisolone o metilprednisolone a dosaggi equiparabili, una volta al giorno per 14 giorni, durante la prima fase di un trial dietetico di restrizione. 

Prima, e nei giorni 3, 7 e 14 dopo l'inizio dei glucocorticoidi, i proprietari hanno stimato il consumo di acqua per 24 ore. Inoltre, i proprietari hanno raccolto un campione di urina della prima mattina per determinare il peso specifico dell'urina (USG), sia durante i giorni di somministrazione, che antecedentemente. 

Disciplina Dermatologia

well 16 ducate head traumaL’obiettivo di questo studio era quello di valutare "animal trauma triage" (ATT), "shock index" (SI) e i marker di perfusione tissutale, inclusi base excess (BE), lattato plasmatico e clearance del lattato nei cani con trauma contusivo.

In questo studio clinico osservazionale prospettico sono stati inclusi 44 cani di proprietà ricoverati in seguito a trauma contusivo dal 2013 al 2015. Entro 1 ora dall’ammissione e prima della somministrazione dei fluidi, sono stati ottenuti per l'analisi: valore ematocrito, proteine ​​totali, glicemia, lattato plasmatico, emogas ed elettroliti. Le concentrazioni plasmatiche di lattato sono state misurate dopo 4 e 8 ore dalla misurazione iniziale ed è stata calcolata la clearance del lattato se i pazienti avevano un aumento del lattato plasmatico all'ammissione. Il punteggio ATT e SI sono stati calcolati per ciascun paziente. L'outcome è stato definito come sopravvivenza alla dimissione dall’ospedale.

Disciplina Medicina d'urgenza

linfangiogr mastIl mastocitoma (MCT) è una neoplasia cutanea e sottocutanea comune nei cani. Può metastatizzare ai linfonodi (LN) e ciò influisce negativamente sulla prognosi e sul trattamento. Gli autori di questo studio avevano l’obiettivo di valutare la mappatura del linfonodo sentinella (SLN) dei MCT mediante linfografia radiografica indiretta.

I cani sottoposti a stadiazione clinica del tumore sono stati arruolati in modo prospettico. Lipiodol è stato iniettato intorno al MCT o alla cicatrice chirurgica. Dopo 24 ore, i LN che sono stati evidenziati dal mezzo di contrasto sono stati valutati radiograficamente. 

silky 955042 960 720I cani con enteropatia infiammatoria proteino-disperdente (iPLE) che raggiungono la remissione possono essere a rischio di recidiva. L’obiettivo di questo studio era quello di determinare l'incidenza di recidiva di iPLE nei cani che hanno precedentemente raggiunto una completa remissione clinica e biochimica e identificare i fattori di rischio associati.

Sono stati inclusi nello studio 65 cani di proprietà con diagnosi di iPLE. Le cartelle cliniche dei cani sono state valutate in modo retrospettivo.

Disciplina Gastroenterologia

chronic epatiteNei pazienti umani, l'epatopatia cronica può causare alterazioni nel metabolismo degli aminoacidi (AA), con una diminuzione degli AA a catena ramificata (BCAA) e un aumento degli AA aromatici (AAA). È stato riscontrato che un rapporto di Fischer ridotto (BCAA/AAA) si associa alla fibrosi epatica ed è utile per valutare la prognosi nei pazienti umani. In medicina veterinaria sono stati condotti pochi studi e, contrariamente alle persone, i cani con diversi tipi di epatopatia tendono a mostrare sia un aumento degli AAA che dei BCAA. Nei cani, l'associazione tra punteggi istologici e AA sierici non è stata precedentemente studiata. Lo scopo degli autori di questo studio era di valutare gli AA sierici nei cani con epatite cronica (CH) rispetto ai pazienti sani di un gruppo di controllo (C); inoltre, nei cani con CH, è stata valutata la relazione tra i livelli di AA sierici, la fibrosi istologica e gli score di attività necro-infiammatoria. 

Per le analisi sono stati utilizzati campioni di siero stoccati di 16 cani con CH, diagnosticata istologicamente, e di 25 cani sani. Gli AA sierici sono stati misurati mediante cromatografia liquida ad alte prestazioni. La prolina e gli AAA fenilalanina e tirosina aumentavano progressivamente ed in maniera proporzionale alla gravità istologica del campione. Al contrario, la cisteina, il triptofano e l'isoleucina BCAA si riducevano progressivamente. La lisina e i BCAA leucina e valina hanno mostrato un andamento non lineare con i reperti istologici.

Disciplina Gastroenterologia

Tuna steak 4 L’obiettivo di questo studio era quello di descrivere l'outcome della gestione dietetica della colite acuta non infettiva cane con o senza somministrazione concomitante di metronidazolo.

Nel presente studio clinico prospettico controllato randomizzato sono stati inclusi 59 cani di proprietà con colite acuta non infettiva. I cani sono stati arruolati in un trial dietetico di 30 giorni dopo l'esclusione di eziologie infettive parassitarie e malattie sistemiche. I cani sono stati randomizzati in 3 gruppi controllati con placebo: gruppo 1, dieta facilmente digeribile + compressa placebo; gruppo 2, dieta facilmente digeribile + compressa di metronidazolo; e gruppo 3, dieta facilmente digeribile potenziata con psyllium + compressa di placebo. I cani sono stati valutati in serie utilizzando il fecal score per il tempo alla remissione, il fecal score medio, la recidiva dei sintomi e l'indice di disbiosi.

Disciplina Gastroenterologia

obesity pugNelle persone, gli effetti cardiovascolari legati all’obesità portsano a: ipertensione sistemica, rimodellamento cardiaco e disfunzione sia sistolica che diastolica; la riduzione di peso, invece, può invertire il rimodellamento miocardico e ridurre il rischio di successive malattie cardiovascolari. Ad oggi, gli studi condotti sugli effetti dell'obesità e della riduzione controllata del peso sulla morfologia e sulla funzione cardiovascolare nei cani hanno riportato risultati contrastanti. Gli autori di questo studio prospettico miravano a valutare nei soggetti canini obesi: la funzione cardiaca, la variabilità della frequenza cardiaca, i biomarker cardiaci e la condizione corporea, prima e dopo la riduzione di peso. 

Sono stati reclutati ventiquattro cani obesi, portati a visita per la gestione del peso. Per valutare gli effetti dell'obesità sul cuore, sono state eseguite, prima del management legato alla riduzione del peso, l'analisi della condizione corporea (mediante assorbimetria a raggi X a doppia energia, DEXA) e la valutazione cardiovascolare (ecocardiografia, pressione sanguigna mediante Doppler, elettrocardiografia, biomarkercardiaci). Dodici cani hanno completato lo studio e hanno raggiunto il peso target, ricevendo un'ulteriore valutazione cardiovascolare e l’analisi DEXA. 

Disciplina Cardiologia
Domenica, 16 Ottobre 2022 10:29

Utilizzo di enflicoxib nell'osteoartrite del cane

osteoartrite dogGli autori di questo studio clinico prospettico, multicentrico, in cieco, randomizzato, avevano l’obiettivo di confermare l'efficacia e la sicurezza di enflicoxib nel trattamento del dolore e dell'infiammazione associati all'osteoartrite canina. 

Complessivamente, centottanta cani sono stati randomizzati nelle seguenti categorie di trattaemnto: enflicoxib (n = 78), mavacoxib (n = 80) o placebo (n = 22). I pazienti sono stati sottoposti a valutazioni veterinarie dal giorno 0 al giorno 42, utilizzando uno score clinico (CSS). L'efficacia è stata valutata anche dai proprietari utilizzando il Canine Brief Pain Inventory (CBPI). L'endpoint primario di efficacia era il CSS complessivo dal giorno 0 al giorno 42.

Disciplina Ortopedia

Mast cell tumors in dogs 1La stadiazione è un passaggio fondamentale nella valutazione clinica del mastocita cutaneo (cutaneous mast cell tumor, cMCT) nel cane. In questi casi si raccomanda di valutare il linfonodo drenante il tumore (tumor draining lymph node, eTDLN), eseguire la diagnostica per immagini e l'agoaspirazione (FNA) della milza e fegato per determinare la presenza di metastasi, definendo così la prognosi. Lo scopo di questo studio retrospettivo era quello di valutare la prevalenza del coinvolgimento splenico ed epatico nel cMCT canino di basso grado neodiagnosticato (Patnaik grado I-II, Kiupel di basso grado).

Sono state valutate le cartelle cliniche dei cani in cui era stata effettuata stadiazione clinica e trattamento chirurgico per una cMCT di basso grado tra dicembre 2019 e dicembre 2021. Sono stati inclusi solo cani con una diagnosi istologica di cMCT di basso grado, FNA o istologia dell'eTDLN, FNA della milza e del fegato e un anno di follow-up.

Disciplina Oncologia
Martedì, 27 Settembre 2022 23:22

Tasso di incidenza di tumori nella specie canina

boxer tumorLa caratterizzazione di un processo tumorale si basa su una precisa diagnosi istopatologica che tiene conto del segnalamento dell'animale affetto da tale malattia. Gli autori del presente studio hanno operato un'indagine statistica completa e aggiornata su: tipo e frequenza del tumore e predisposizione di razza nei cani affetti da neoplasia in Germania. Sono stati analizzati ed elaborati retrospettivamente i referti istopatologici di 109616 campioni bioptici (nel periodo 2014-2019).

Malattie non neoplastiche sono state riscontrate in 38650 campioni (35,3%); sono state, invece, diagnosticate 70966 neoplasie (64,7%). Le neoplasie più comuni erano: tumori mammari (21,9%), tumori cutanei epiteliali benigni (15,4%), mastocitomi (9,7%), istiocitomi (7,0%), sarcomi dei tessuti molli (5,8%), lipomi (5,8%), tumori melanocitici (5,2%) e tumori odontogeni (4,7%). In generale, Beagle, Magyar Vizslas, Boxer, Schnauzer, Spaniel, Bulldog francesi e Golden Retriever avevano un rischio maggiore di presentare una neoplasia (odds ratio 1,17-1,46; tutti: p ≤0,001), rispetto ai cani meticci. In particolare, Boxer, Golden Retriever, Rottweiler e Schnauzer erano spesso affetti da neoplasie maligne, mentre altre razze (es. West Highland White Terrier, Magyar Vizsla, Chihuahua, Bassotto e Yorkshire Terrier) erano più frequentemente affette da neoplasie benigne. Nonostante il rischio noto di emangiosarcoma nel pastore tedesco, altri tumori maligni erano rari in questa razza. 

Disciplina Oncologia
Pagina 2 di 249

vetchannel nero

VETCHANNEL.IT
La formazione professionale on demand
quando vuoi, dove vuoi.

Vetpedia

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares