Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7818 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Visualizza articoli per tag: Gatto

gatto ipertiroideoL'obiettivo principale degli autori di questo studio era riportare la prevalenza e l'entità dell'incremento degli enzimi epatici nell'ipertiroidismo felino utilizzando un'ampia coorte di gatti che si presentavano per il trattamento con iodio-131. L'obiettivo secondario era determinare se l'elevata attività degli enzimi epatici fosse un processo reversibile dopo il trattamento con iodio-131.

I dati clinicopatologici e il follow-up a breve e lungo termine sono stati esaminati retrospettivamente nei gatti presentati per un singolo trattamento con iodio-131.

Disciplina Endocrinologia

243877 1600x1030 pill gun catLo scopo di questo studio era quello di valutare le concentrazioni sieriche di gabapentin nei gatti con malattia renale cronica (CKD) rispetto ai gatti clinicamente sani.

Uno studio di farmacocinetica è stato condotto in 5 gatti sani. Una singola dose (20 mg/kg) di gabapentin è stata somministrata per via orale e i campioni ematici sono stati collezionati dopo 0, 0.25, 0.5, 1, 1.5, 2, 3, 4, 8, 12, 24 e 36 ore. Le concentrazioni sieriche di gabapentin sono state misurate mediante cromatografia liquida-spettrometria di massa tandem. Gli stessi 5 gatti sani più 25 gatti con CKD in stadio IRIS 2 (n = 14) e 3 (n = 11) sono stati arruolati in uno studio a campionamento limitato. I gatti di entrambi i gruppi hanno ricevuto una singola dose (10 mg/kg) di gabapentin e le concentrazioni sieriche di gabapentin e il "compliance score" sono stati ottenuti dopo 3 e 8 ore dalla somministrazione.

Disciplina Nefrologia-Urologia
Venerdì, 11 Marzo 2022 13:46

Gatti con infezioni da Cytauxzoon in Italia

blood cytoozonLa cytouxzoonosi è una malattia emergente causata da un protozoo trasmesso dalle zecche e che colpisce i felini domestici e selvatici. 

In questo studio sono stati descritti i risultati clinici e biomolecolari dell'infezione da Cytauxzoon sp. e coinfezioni concomitanti in tre gatti dell'Italia centrale. 

FLUTD Feline Lower Urinary Tract DiseaseL’ostruzione del tratto urinario inferiore (Feline obstructive disease of the lower urinary tract, FLUTD) è una condizione patologica comune nel gatto. Quest’ultima può essere causata da un'infiammazione sterile, che determina danno renale acuto, alterazioni elettrolitiche e squilibrio acido-base. Le proteine ​​di fase acuta (Acute-phase proteins, APP) sono biomarker di danno tissutale causato dall'infiammazione che possono aiutano a monitorare il trattamento e determinare la prognosi. L’obiettivo di questo studio era quello di determinare le concentrazioni plasmatiche di fibrinogeno e le concentrazioni sieriche di amiloide sierica A (serum amyloid A, SAA), alfa-1-glicoproteina acida (alpha-1-acid glycoprotein, AGP) e albumina nei gatti con FLUTD.

Sono stati inclusi 25 gatti maschi divisi in due gruppi: 8 gatti sani nel gruppo di controllo (CG) e 17 gatti con FLUTD nel gruppo ostruzione (OG). Le misurazioni delle APP sono state effettuate utilizzando un kit ELISA. Nei gatti del gruppo OG, i campioni ematici sono stati collezionati alla diagnosi (H0) e dopo 12 (H12), 24 (H24) e 48 (H48) ore dalla disostruzione. I campioni sono stati collezionati soltanto una volta nei gatti del gruppo CG.

Disciplina Nefrologia-Urologia

UTO catL'ostruzione uretrale (UO) ha un effetto negativo sul benessere dei gatti. Gli autori di questo studio miravano a determinare l'incidenza e a chiarire gli aspetti legati alla gestione clinica e all’outcome dei gatti con UO del Regno Unito.

Gli autori hanno condotto uno studio di coorte retrospettivo. Dal database VetCompass sono state estratte tutte le cartelle cliniche dei gatti maschi con UO e sono stati registrati ulteriori dati relativi ad aspetti demografici e clinici.

Disciplina Nefrologia-Urologia

SRBT GattoNon sono presenti in letteratura degli studi che abbiano descritto la sicurezza e l'efficacia della radioterapia stereotassica (stereotactic body radiation therapy, SBRT) nel trattamento del linfoma nasale nel gatto. L’ipotesi di questo studio era che la radioterapia stereotassica, con o senza chemioterapia adiuvante, possa rappresentare un trattamento efficace e ben tollerato nei gatti con linfoma nasale.

Sono stati inclusi nello studio 32 gatti di proprietà afferenti presso la Colorado State University per il trattamento del linfoma nasale. Sono state valutate, in modo retrospettivo, le cartelle cliniche dei gatti trattati con SBRT tra il 2010 e il 2020. La diagnosi di linfoma nasale è stata ottenuta tramite citologia o istopatologia. Sono stati registrati il ​​segnalamento, il protocollo di SBRT, i trattamenti simultanei, gli effetti avversi e la sopravvivenza.

Disciplina Oncologia

Transdermal CatNell'uomo, la mirtazapina può prevenire la nausea e il vomito indotti dalla chemioterapia (chemotherapy-induced nausea and vomiting, CINV) e migliorare la qualità della vita (quality of life, QoL) dei malati di cancro. Questo farmaco viene sempre più spesso utilizzato come stimolante dell'appetito nel gatto. L'ipotesi di questo studio era che la mirtazapina potesse ridurre l'incidenza di CINV e la perdita di peso nei gatti affetti da linfoma. Gli obiettivi dello studio erano quelli di descrivere l'uso della mirtazapina transdermica e valutare l'incidenza della tossicità gastrointestinale e la perdita di peso nei gatti con diagnosi di linfoma sottoposti a chemioterapia.

Sono stati raccolti, in modo retrospettivo, i dati ottenuti da 20 pazienti. La mirtazapina transdermica è stata somministrata per via topica sulla superficie interna del padiglione auricolare (2 mg/gatto/die) per 14 giorni in seguito al trattamento chemioterapico.

Disciplina Oncologia

acromegalyLo scopo degli autori di questo studio era di valutare la sicurezza e l'efficacia della cabergolina nel controllo dei gatti con acromegalia (HST) e diabete mellito (DM).

Sono stati arruolati in maniera prospettica 23 gatti affetti sia da HST che da DM. I gatti hanno ricevuto una dose di 10 μg/kg di cabergolina ogni 48h PO per 6 mesi. Il fattore di crescita insulino-simile (IGF-1), le concentrazioni di fruttosamina, la dose di insulina e l'indice di resistenza all'insulina (IRI) sono stati misurati alla diagnosi di HST, all'inizio del trattamento con cabergolina (t0), a 3 mesi (t1) e 6 mesi (t2) dall’inizio del trattamento con cabergolina.

Disciplina Endocrinologia

ckdGli autori di questo studio avevano l’obiettivo di valutare se potesse esistere un’associazione tra le concentrazioni sieriche del fattore di crescita dei fibroblasti (FGF)-23 e le concentrazioni sieriche di calcio totale (tCa) e calcio ionizzato (iCa) dei gatti con malattia renale cronica (CKD) e urolitiasi.

Sono stati analizzati retrospettivamente le cartelle cliniche e i campioni di siero di gatti con insufficienza renale cronica e nefroliti e/o ureteroliti. Sono stati esclusi i gatti con una concentrazione di creatinina sierica >250 μmol/l e/o con una concentrazione di fosforo sierico ⩾1,50 mmol/l. Sulla base del cut-off per tCa sierico (2,70 mmol/l) o iCa ematico (1,40 mmol/l), i gatti sono stati suddivisi nei seguenti gruppi: pazienti con ipercalcemia totale (H-tCa) (>2,70 mmol/l) e calcemia totale normale (Gruppi N-tCa) (⩽2,70 mmol/l) o gruppi con pazienti che evidenziavano ipercalcemia ionizzata (H-iCa) (>1,40 mmol/l) e calcemia ionizzata nella norma (N-iCa) (⩽1,40 mmol/l). Le concentrazioni sieriche di FGF-23 sono state confrontate tra i gruppi ed è stata eseguita una correlazione.

Disciplina Nefrologia-Urologia

bartonellosisL’infezione da specie di Bartonella è comune nei gatti, ma gli effetti cha hanno le batteriemie sulle variabili clinicopatologiche differiscono tra le varie specie di Bartonella.

L’obiettivo degli autori di questo studio era quello di valutare le associazioni tra batteriemie da Bartonella spp. ed esami ematochimici dei gatti affetti.

Pagina 8 di 126

vetchannel nero

VETCHANNEL.IT
La formazione professionale on demand
quando vuoi, dove vuoi.

Vetpedia

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares