Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7821 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Michele Tumbarello Med Vet PhD student

Michele Tumbarello Med Vet PhD student

sampleDurante il recente Congresso internazionale di Scivac, tenutosi a Rimini il 27-29 maggio 2022, la Dottoressa Chiara Agnoli ha posto l'attenzione sui test che possono aiutare il clinico nella diagnosi di anemia emolitica.

Infatti, ai fini di una corretta caratterizzazione e valutazione delle diagnosi differenziali del processo emolitico, oltre alla valutazione anamnestica, al segnalamento, alla valutazione della presentazione clinica del paziente e all’iniziale screening ematochimico, ci possono supportare altri test e strumenti non sempre applicati/ o applicabili nella routine, e talvolta dimenticati o sottoutilizzati quali ad esempio: test di fragilità osmotica, test di Coombs’ diretto e indiretto, test di auto-agglutinazione salina (SAT), tecniche citofluorimetriche, quantificazione della metaemogloblina e valutazioni dello striscio ematico e delle alterazioni della morfologia eritrocitaria

piercing muccaL'autosuzione nella specie bovina è un comportamento anomalo che porta a importanti perdite economiche per le aziende lattiero-casearie. L'obiettivo degli autori di questo studio era valutare la tecnica del piercing alla lingua per prevenire l'autosuzione nei bovini e nei bufali. 

Lo studio è stato condotto su 26 vacche e 4 bufali affetti da autosuzione. Il piercing alla lingua è stato ottenuto mediante l'applicazione di un impianto nella linea mediana della lingua e anteriormente al frenulo linguale. Tutti i soggetti disponevano di un periodo di follow-up di 6 mesi.

Giovedì, 16 Giugno 2022 11:16

Tecniche di lobectomia epatica nel coniglio

lobectomy rabbit.jpgL’obiettivo degli autori era descrivere l'approccio paracostale alla lobectomia epatica del lobo caudato (LLT) nei conigli e confrontarlo con la tecnica che prevede l’incisione della linea mediana ventrale.

Nello studio sono stati inclusi i cadaveri di 5 conigli sani e 22 conigli con LLT caudato. Nei cadaveri, è stato effettuato un approccio paracostale destro o ventrale mediano. Sono state valutate l'accessibilità del lobo epatico caudato e la relazione con il tratto gastrointestinale (GI). Per ciò che concerne invece i pazienti con LLT caudato (n=22), nove casi sono stati trattati con l'approccio paracostale e 13 sono stati trattati con l'approccio della linea mediana ventrale. Di tutti i pazienti con LLT caudato sono stati registrati i tempi anestetici e chirurgici, tasso di mortalità e dati clinici rilevanti.

La raccolta del liquido cerebrospinale (CSF) atlantoassiale (AA) nei cavalli in piedi si basa sull’utilizzo di morfina narcotica, limitando così la fattibilità nelle operazioni di pratica sul campo.

Gli autori dello studio hanno voluto confrontare il tempo di raccolta del liquido cerebrospinale AA e i punteggi di reazione nei cavalli sedati con protocolli di sedazione contenenti morfina e privi di oppioidi (detomidina + morfina (DM), detomidina + xilazina (DX), detomidina + detomidina (DD), detomidina da sola (D0).

small ruminantL’obiettivo degli autori dello studio era quello di fornire ai veterinari linee-guida decisionali per la gestione ed il trattamento dell'urolitiasi nei piccoli ruminanti.

L'urolitiasi è la causa più comune di malattie delle vie urinarie nei piccoli ruminanti e ha un impatto economico e produttivo significativo in tutto il mondo. L'origine sembra essere multifattoriale e generalmente inizia con la formazione di cistoliti seguita da ostruzione uretrale. La patologia è più comune nei maschi. I segni clinici sono variabili a seconda della gravità dell'ostruzione. Gli uroliti possono essere a base di calcio, struvite o silicato; tuttavia, i calcoli di struvite e di calcio fosfato sono i tipi di uroliti più comuni osservati nei piccoli ruminanti. 

ocular effect anesthesia catGli obiettivi degli autori di questo studio erano di valutare e confrontare gli effetti che dexmedetomidina e metadone, somministrati per via intramuscolare in monoterapia o in associazione, avevano sui parametri oftalmologici di gatti adulti sani, nonché verificare la remissione di tali effetti in seguito a terapia con atipamezolo.

È stato utilizzato uno studio randomizzato in cieco su 10 gatti sani per valutare l'effetto dei seguenti protocolli terapeutici sulla pressione intraoculare (IOP), sulla produzione lacrimale e sul diametro della pupilla (PD): 0,2 mg/kg di metadone (MET), 7,5 μg/kg di dexmedetomidina (D7), 10 μg/kg di dexmedetomidina (D10), 7,5 μg/kg di dexmedetomidina + 0,2 mg/kg di metadone (DM7) e 10 μg/kg di dexmedetomidina + 0,2 mg/kg di metadone (DM10). I pazienti sono stati valutati per 30 minuti. Successivamente, è stato somministrato atipamezolo e le variabili oculari sono state valutate per ulteriori 30 minuti.

gruppi sang gattiLa relazione tra antigeni eritrocitari e sviluppo di malattie è stata studiata nell'uomo. Alcuni gruppi sanguigni, infatti, sono stati associati a tassi maggiori o minori di sviluppo di infezioni. Inoltre, è stato dimostrato che l'espressione del gruppo sanguigno varia con alcuni tipi di tumori e malattie gastrointestinali. Lo scopo degli autori di questo studio era verificare se esistesse una relazione tra il gruppo sanguigno e le infezioni retrovirali nei gatti.

Sono stati selezionati retrospettivamente i casi di vari database in cui venivano riportati sia il gruppo sanguigno che lo stato retrovirale (leucemia felina [FeLV], virus dell'immunodeficienza felina [FIV] o entrambi) (parte 1 ). Inoltre, un campione di 33 gatti con infezione da FIV confermata è stato genotipizzato per determinarne i gruppi sanguigni (parte 2).

oral squamoI fattori di rischio per lo sviluppo del carcinoma squamocellulare (OSCC) nei gatti sono derivati ​​da un singolo studio di quasi 20 anni fa. Inoltre, la relazione tra l’infiammazione della cavità orale e OSCC non è ancora stata definita con chiarezza.

L’obiettivo degli autori dello studio era quello di analizzare i potenziali fattori di rischio, precedentemente proposti e nuovi, per lo sviluppo di OSCC, comprese le malattie infiammatorie buccali.

dog renaleIn medicina umana, alterazioni delle concentrazioni di adipochine sono associate alla progressione della malattia renale cronica (CKD). Tuttavia, il ruolo di queste molecole nei cani con insufficienza renale cronica rimane poco chiaro.

Gli obiettivi degli autori erano quelli di verificare se le concentrazioni sieriche di adipochine differissero tra cani sani e cani con insufficienza renale cronica e determinare la correlazione tra le concentrazioni sieriche di adipochine e la gravità dell'insufficienza renale cronica nella specie canina.

insulina lenta caneNegli ultimi tempi, per il trattamento del diabete mellito (DM) nei cani, sono state considerate nuove insuline caratterizzate da una frequenza di iniezione ridotta pur mantenendo la stessa sicurezza ed efficacia. L’ipotesi degli autori dello studio era basata sul fatto che il controllo glicemico potesse essere ottenuto nei cani diabetici con un’insulina (AKS-218d) somministrata per via sottocutanea una volta alla settimana.

Si tratta di uno studio clinico prospettico su 5 cani con DM reclutati dall'UC Davis Veterinary Teaching Hospitale dalle cliniche veterinarie locali. I cani precedentemente controllati con insulina ad azione intermedia q12h sono stati trasferiti a iniezioni una volta alla settimana di un costrutto preliminare identificato come AKS-218d. La dose di AKS-218d è stata titolata settimanalmente per 8 settimane in base alla risposta clinica e al sistema di monitoraggio continuo del glucosio ematico. I segni clinici, il peso corporeo, le concentrazioni sieriche di fruttosamina e le concentrazioni medie di glucosio interstiziale (IG) della settimana precedente sono stati confrontati con i valori basali (prima di AKS-218d) e quelli corrispondenti all'ultima settimana di trattamento.

Pagina 9 di 45

vetchannel nero

VETCHANNEL.IT
La formazione professionale on demand
quando vuoi, dove vuoi.

Vetpedia

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares