Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7842 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Antonio Maria Tardo Med Vet PhD Student

Antonio Maria Tardo Med Vet PhD Student

FeritaIn medicina veterinaria, le ferite cutanee hanno un'elevata incidenza nella pratica clinica quotidiana. L’ossigenoterapia iperbarica (hyperbaric oxygen therapy, HBOT) è attualmente riconosciuta come uno dei migliori trattamenti adiuvanti nel processo di guarigione delle ferite. L'obiettivo di questo studio pilota era quello di valutare l'effetto terapeutico dell'HBOT in ferite gravi classificate secondo la Modified Vancouver Scale (MVS > 10 e ≤ 15; MVS > 15).

Sono stati inclusi nello studio 41 cani e gatti afferenti presso un singolo Centro Veterinario di Lisbona. Gli animali sono stati trattati con Ossigeno al 100% e 2,4 atmosfere assolute per 90 minuti. Le ferite dei pazienti sono state valutate utilizzando l'MVS al momento del ricovero, dopo 24, 48, e 72 ore dall'HBOT e al momento della dimissione. Inoltre, sono stati registrati gli effetti collaterali maggiori (major side effects, MSE) e minori durante ogni sessione di trattamento.

Venerdì, 04 Febbraio 2022 14:23

Utilizzo dei FANS in ortopedia equina

dod 2400Le patologie ortopediche sono comunemente riscontrate nei cavalli e i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) svolgono un ruolo importante nella gestione di molte patologie ortopediche equine. Esistono numerosi FANS disponibili per l'uso nei cavalli, inclusi i FANS non selettivi e selettivi; numerosi studi in letteratura descrivono l'efficacia di questi farmaci, i loro effetti sui tessuti muscoloscheletrici (normali e infiammati) e i loro effetti collaterali.

L’obiettivo di questa review era quello di riassumere le informazioni presenti in letteratura sull'uso dei FANS nelle patologie ortopediche del cavallo e descrivere nuove prospettive per la gestione dell'infiammazione in ortopedia equina.

para 1I paragangliomi retroperitoneali sono rari tumori del sistema neuroendocrino. L’obiettivo di questo studio multicentrico e retrospettivo era quello di descrivere i reperti di diagnostica per immagini del paraganglioma retroperitoneale nel cane.

Sono state valutate le cartelle cliniche e i reperti di imaging di 10 cani con diagnosi citologica o istopatologica di paraganglioma retroperitoneale.

Venerdì, 04 Febbraio 2022 14:18

Mineralizzazioni renali nei gatti con CKD

ReneLa nefrocalcinosi è una caratteristica patologica della malattia renale cronica (CKD). L’obiettivo di questo studio era quello di identificare i fattori di rischio per la nefrocalcinosi e valutare l'influenza di quest’ultima sulla progressione della CKD e sulla mortalità.

Sono stati inclusi nello studio, in modo retrospettivo, 51 gatti eutiroidei con CKD in stadio 2-3 IRIS (International Renal Interest Society). Sezioni istopatologiche renali sono state valutate per la presenza di nefrocalcinosi (colorazione di von Kossa). La gravità della nefrocalcinosi è stata determinata tramite analisi dell'immagine (ImageJ). I gatti sono stati classificati in base al tempo di assunzione di una dieta a ridotto tenore di fosforo (phosphate-restricted diet, PRD), dove la PRD comprendeva ≥50%, 10-50% o nessuna assunzione di PRD nella durata della CKD.

free range broiler chickens Kishyru ShutterstockLa coccidiosi è un'importante malattia parassitaria del pollame con grande rilevanza economica. L’obiettivo di questo studio è stato condotto per indagare come i probiotici (Lactobacillus plantarum o L. plantarum) influenzano le performance e la salute intestinale dei Broiler.

Sono stati valutati i seguenti parametri: oocisti per grammo di feci (oocysts per gram of feces, OPG), punteggio fecale, tasso di conversione del mangime (feed conversion ratio, FCR), effetto immunomodulatore in termini di cellule della risposta immunitaria cellulo-mediata e umorale. La chimica sierica (ALT, AST, LDH e creatinina) è stata misurata in diversi gruppi di polli trattati. Sono stati, inoltre, misurati i livelli di espressione degli enzimi antiossidanti (SOD 1 e CAT), trasportatore peptidico 1 (PepT 1) e proteine ​​a giunzione stretta (ZO e CLDN 1) nei gruppi di broiler con infezione da Eimeria tenella (E. tenella).

Low Neutrophil Count HEADERLa leucocitosi neutrofila estrema (extreme neutrophilic leukocytosis, ENL) è un reperto raro causato da un marcato aumento della granulocitopoiesi. L’obiettivo di questo studio era quello di descrivere le categorie di malattia identificate nei cani con ENL e identificare le variabili associate alla sopravvivenza.

Sono stati inclusi nello studio, in modo retrospettivo, 269 cani con ENL (neutrofili segmentati ≥50 × 103 cellule/μL) portati in visita presso tre Ospedali Veterinari Universitari in un periodo di tempo di 10 anni (tra il 2009 e il 2019). In ogni cane sono stati registrati i dati demografici e alcune variabili tra cui la temperatura, i risultati dell'emocromo, la categoria di malattia, la durata del ricovero e l'outcome.

MRI CATIl linfoma è la neoplasia del midollo spinale più comune e il secondo tumore intracranico più comune nei gatti. L’obiettivo di questo studio era quello di descrivere le caratteristiche cliniche e di risonanza magnetica (magnetic resonance imaging, MRI) nei gatti con linfoma del sistema nervoso centrale (SNC), periferico (SNP) o entrambi.

Sono stati inclusi nello studio, in modo retrospettivo, 31 gatti con diagnosi citologica e/o istopatologica di linfoma del SNC e/o SNP, in cui era stata effettuata la risonanza magnetica. I reperti MRI sono stati esaminati da 3 osservatori seguendo un elenco di criteri predefiniti.

 114967769 gettyimages 584682228 3I cinghiali sono stati recentemente menzionati come carrier di zecche del genere Amblyomma, le quali sono essenziali per la trasmissione di Rickettsia spp. Di conseguenza, la caccia al cinghiale può aumentare il rischio di esposizione alle zecche e la successiva infezione e malattia trasmessa all’uomo. Pertanto, l'obiettivo di questo studio era quello di valutare i fattori di rischio per l’infezione da Rickettsia spp. in cinghiali, cani da caccia e cacciatori in Brasile.

Sono stati inclusi nello studio 80 cinghiali, 170 cani da caccia e 49 cacciatori. Il test del chi quadro è stato utilizzato per confrontare la frequenza di anticorpi anti-Rickettsia spp nei diversi gruppi.  

dog 2579897 1280 minLe alterazioni elettrolitiche, in particolare l'ipernatriemia, sono complicazioni frequenti dopo l'ipofisectomia transfenoidale nei cani con ipercortisolismo di origine ipofisaria. L’obiettivo del presente studio era quello di descrivere le alterazioni elettrolitiche dopo l'ipofisectomia transfenoidale e studiare le possibili associazioni tra ipernatriemia postoperatoria e variabili cliniche e chirurgiche, nonché con l'outcome postoperatorio.

Sono stati inclusi retrospettivamente 127 cani con adenomi ipofisari corticotropi sottoposti a ipofisectomia transfenoidale. Le concentrazioni plasmatiche di sodio e potassio sono state misurate a -2, +2, +8, +24 e +48 ore dall'ipofisectomia. Le variabili cliniche (razza, età, peso corporeo, morfotipo, rapporto cortisolo/creatinina urinaria, percentuale di soppressione dopo somministrazione di desametasone) e chirurgiche (durata dell'anestesia e della chirurgia, dimensioni dell'ipofisi) sono state confrontate con lo sviluppo dell'ipernatriemia.

42360184 shutterstock 1147512986Lo scopo del presente studio era quello di valutare le variazioni del valore ematocrito (packed cell volume, PCV) e delle proteine ​​totali in seguito a sedazione con tre diversi protocolli intramuscolari nel gatto.

In questo studio clinico prospettico, randomizzato, in cieco, sono stati inclusi 30 gatti di proprietà. In tutti i soggetti è stato prelevato un campione di sangue venoso prima della sedazione e sono stati misurati PCV, proteine ​​totali, elettroliti (Na+, K+, Cl-, iCa2+), glucosio e lattato. I gatti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere uno dei tre protocolli di sedazione intramuscolare (n = 10 gatti/protocollo): 1) metadone + acepromazina (gruppo MA), 2) metadone + dexmedetomidina (gruppo MD) o 3) metadone + midazolam + alfaxalone (gruppo MMA). Dopo 25 minuti, è stato valutato il grado di sedazione dei gatti ed è stato effettuato un altro prelievo di sangue venoso per valutare le stesse variabili sopracitate.

Pagina 17 di 26

vetchannel nero

VETCHANNEL.IT
La formazione professionale on demand
quando vuoi, dove vuoi.

Vetpedia

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares