Dall'11 aprile 2003 sono stati pubblicati 7762 articoli

AGGIORNAMENTO SCIENTIFICO PERMANENTE IN MEDICINA VETERINARIA

Visualizza articoli per tag: suino

40813 2022 282 Fig17 HTMLL'elettrocardiogramma è un metodo ampiamente utilizzato in medicina veterinaria per la diagnosi di anomalie nel funzionamento del sistema di conduzione elettrica del muscolo cardiaco. È un test non invasivo, di facile esecuzione e un metodo di monitoraggio del paziente durante l'anestesia. Dagli anni '80, i maiali sono diventati animali da compagnia sempre più popolari. Inoltre, il maiale è un animale modello ampiamente utilizzato nella ricerca biomedica. Da ciò nasce la necessità di ampliare le conoscenze dei medici veterinari sul trattamento dei maiali. Lo scopo di questo studio era quello di confrontare le registrazioni ECG effettuate con due diverse posizioni del corpo. L'ECG standard nei suini viene eseguito in anestesia generale in decubito laterale sinistro, per questa posizione del corpo sono stati sviluppati e riportati degli standard in letteratura. Tuttavia, alcune procedure eseguite sui suini richiedono una diversa posizione del corpo, per la quale sono presenti meno dati in letteratura.

Lo studio è stato condotto su 29 maiali di peso compreso tra 33 e 44 kg. I test sono stati eseguiti in anestesia generale con lo stesso protocollo per ogni animale, posizionando gli animali prima in decubito laterale destro e poi in posizione supina. Il protocollo anestesiologico includeva medetomidina, midazolam, ketamina e propofol. Durante l'esame, le registrazioni ECG sono state eseguite tramite un sistema a 12 derivate e analizzate tramite un software.

Disciplina Cardiologia
Domenica, 17 Luglio 2022 11:29

Biomarker di sepsi nel suino, bovino e cavallo

11910205046 d9844787b2 bLa sepsi è una sindrome clinica complessa innescata da una risposta infiammatoria dell'ospite nei confronti di un'infezione. Di solito è complessa da diagnosticare e ha gravi conseguenze sulla salute umana e veterinaria, soprattutto quando il trattamento non viene iniziato precocemente. Pertanto, sono necessari dei marker per diagnosticare la sepsi in modo accurato. Inoltre, una corretta diagnosi di sepsi potrebbe ridurre l'uso improprio degli antibiotici, che è essenziale per combattere la resistenza antimicrobica. Questo è un problema in particolare negli animali da reddito. Quando si sospetta la sepsi negli animali, i biomarker più frequentemente utilizzati sono le proteine ​​di fase acuta come la proteina C-reattiva, l'amiloide A sierica e l'aptoglobina, ma le loro concentrazioni possono aumentare in corso di altre condizioni infiammatorie. Nei pazienti umani, i biomarker più promettenti per rilevare la sepsi sono la procalcitonina e la presepsina, e un'ampia gamma di altri biomarker sono in corso di studio. Tuttavia, ci sono poche informazioni sull'applicazione di questi biomarker nelle specie di interesse veterinario. L’obiettivo di questa review era quello di descrivere i concetti generali e le attuali conoscenze sui biomarker di sepsi nei suini, cavalli e bovini e di discutere possibili progressi scientifici in questo campo.

“Biomarkers of sepsis in pigs, horses and cattle: from acute phase proteins to procalcitonin” M J López-Martínez, et al. Anim Health Res Rev. 2022 Jun;23(1):82-99. doi: 10.1017/S1466252322000019.

Disciplina Medicina d'urgenza
Lunedì, 04 Luglio 2022 20:08

Specie di Helicobacter nel suino, cane e gatto

helicobacter suisGli autori di questo articolo avevano l’obiettivo di porre l’attenzione sul significato patogeno delle specie di Helicobacter che colonizzano naturalmente lo stomaco di cani, gatti e maiali. Queste "specie Helicobacter non Helicobacter (H.) pylori" gastriche (NHPH) sono meno conosciute dell'H. pylori dell'uomo. 

Helicobacter suis è stato associato a gastrite e a un ridotto aumento di peso giornaliero nei suini. Diversi studi attribuiscono anche un ruolo a questo patogeno nello sviluppo dell'ipercheratosi e dell'ulcerazione dell'epitelio squamoso stratificato non ghiandolare della pars esofagea dello stomaco del suino. 

Sabato, 21 Maggio 2022 14:34

Poliartrite batterica nei suinetti in Italia

novus pigletsL’obiettivo di questo studio era quello di valutare la presenza di agenti batterici nei suini post-svezzamento di 8-12 settimane con artrite.

Sono stati sottoposti ad autopsia e campionati 178 suini post-svezzamento provenienti da 90 allevamenti (in media 2 suini/allevamento) con problemi ricorrenti di zoppia e articolazioni ectasiche in un'area ad elevata densità produttiva.

probiotici maialeGli antibiotici vengono utilizzati nell’alimentazione dei suini per promuovere la crescita dei soggetti e/o per curare alcune malattie, sempre al fine di migliorare le prestazioni degli animali. Tuttavia, a causa del potenziale rischio di selezione di batteri multiresistenti, è necessario ricercare e sviluppare nuovi additivi nutrizionali. Tra questi, i probiotici sono di grande interesse in ambito clinico, poiché potrebbero migliorare la risposta immunitaria, mantenere la salute intestinale degli animali e migliorarne l'efficienza nutrizionale. 

Gli studi presenti in letteratura circa l’utilizzo dei probiotici hanno anche dimostrato i loro effetti antimicrobici su diversi ceppi patogeni. Alla luce dei promettenti progressi nella ricerca sui probiotici, è opportuno evidenziare la loro capacità di modulare la salute e migliorare le prestazioni di tutte le fasi produttive dell’allevamento dei suini. 

Disciplina Altro

toxo pigLa toxoplasmosi è una zoonosi parassitaria mondiale causata da Toxoplasma gondii. I maiali possono essere infettati attraverso il consumo di acqua o cibo contaminato da oocisti sporulate o mediante carnivorismo (come il consumo di roditori infetti). Nei suini la maggior parte delle infezioni è asintomatica. In alcuni paesi, la carne di maiale contenente cisti tissutali è una delle principali fonti di infezione per gli esseri umani. 

Gli obiettivi degli autori di questo studio erano di stimare la sieroprevalenza della toxoplasmosi e di identificare quali fattori fossero correlati con l'aumento del rischio di infezione in Argentina. 

suini leptoLa leptospirosi è una zoonosi emergente di importanza mondiale; un ampio spettro di specie animali selvatiche e domestiche agiscono come ospiti naturali o accidentali. I suini, per esempio, possono fungere da ospiti naturali o ospiti accidentali di Leptospira spp.

Gli autori di questo studio miravano ad approfondire la prevalenza e la diversità di Leptospira spp. nei suini macellati nell'Italia meridionale (Sicilia). 

Venerdì, 11 Febbraio 2022 19:29

Marker di stress nel suino

stress porkGli autori dello studio hanno misurato i marker ormonali e proteici dello stress acuto, dello stress ossidativo e della capacità antiossidante totale (TAC) nel liquido salivare dei suini; secondo obiettivo era quello di determinare quale di questi parametri sarebbe stato il più appropriato per la futura valutazione del benessere del bestiame.

Lo stress è stato indotto in 7 su 14 suini Danbred × Duroc, castrati, di sei settimane, mediante immobilizzazione su un'ansa nasale alle 8:00, 13:00 e 18:00; i campioni sono stati prelevati sia direttamente dopo l'applicazione del fattore di stress che 30 minuti dopo. I suini rimanenti rappresentavano il gruppo di controllo, che non era immobilizzato; i loro campioni sono stati prelevati contemporaneamente. Le concentrazioni di ormoni e malondialdeide (MDA) sono state misurate mediante cromatografia liquida e spettrometria di massa, mentre i livelli di alfa-amilasi e TAC sono stati misurati mediante spettrofotometria.

Disciplina Endocrinologia

necrosi pigsLa sindrome da infiammazione e necrosi dei suini (SINS) può portare a significative alterazioni cliniche della coda, delle orecchie, degli arti e di altre parti del corpo nei suinetti allattanti, nei suinetti e nei suini da ingrasso. I riscontri clinici sono associati a vasculite, proliferazione intimale e trombosi. La sindrome può essere riscontrabile nei neonati, con un'eziologia principalmente endogena. È stato ipotizzato che la SINS sia innescata da modelli molecolari associati ai microbi di origine intestinale, causando squilibri nel metabolismo del fegato e nell'attività dei globuli bianchi periferici che sono coinvolti nella risposta infiammatoria ed emostatica. Al fine di caratterizzare per la prima volta questi squilibri metabolici nella SINS, sono stati analizzati l’esame emocromocitometrico, i parametri emostatici, i metaboliti sierici e le proteine ​​di fase acuta nel siero di 360 suinetti, svezzati e da ingrasso, ciascuno con punteggi SINS significativamente diversi.

I punteggi SINS e i parametri chimici, ematologici e clinici erano significativamente correlati (p ​​< 0,05), soprattutto nei soggetti svezzati ed in quelli all’ingrasso. Gradi più elevati di SINS clinici erano associati a un aumento del numero di monociti e neutrofili. La coagulazione del sangue risultava alterata nei soggetti svezzati ed è stata riscontrata una trombocitopenia nei soggetti da ingrasso. Inoltre, le proteine sieriche ​​di fase acuta, in particolare la proteina C-reattiva e il fibrinogeno si mostravano aumentate. I metaboliti sierici e gli enzimi epatici erano leggermente alterati. I livelli complessivi di aspartato transaminasi hanno superato il limite fisiologico e sono risultati aumentati parallelamente ai punteggi SINS nei soggetti all’ingrasso.

Disciplina Ematologia
Martedì, 28 Dicembre 2021 16:28

Effetti della musica sugli animali da reddito

cow musicIl benessere degli animali, in particolare di quelli allevati in sistemi di produzione intensiva, è una priorità per l'agricoltura moderna. Questo nasce dalla volontà di mantenere in salute gli animali, ottenere un prodotto finale di buona qualità e soddisfare le richieste dei consumatori, sempre più convinti ad acquistare prodotti biologici. Per tale ragione sono stati valutati nuovi metodi per ridurre lo stress negli animali d’allevamento. La musicoterapia è nota da migliaia di anni; quest'ultima oggi viene principalmente utilizzata per distrarre i pazienti dal dolore, così come per curare la depressione e i disturbi cardiovascolari. Alcuni studi recenti hanno suggerito che la musica, se opportunamente selezionata, può conferire alcuni benefici per la salute (ad esempio aumentando il livello e l'attività delle cellule natural killer). La scelta del genere, il volume della musica e il tempo sono tutti fattori importanti da tenere in considerazione prima di utilizzare la musicoterapia negli animali d’allevamento. Alcuni brani musicali permettono agli animali di rilassarsi (migliorando così la resa), mentre altri hanno l'effetto opposto. Tuttavia, non c'è dubbio che l’arricchimento ambientale tramite musicoterapia migliora il benessere degli animali e potrebbe convincere i consumatori ad acquistare prodotti provenienti dagli allevamenti intensivi.

L’obiettivo di questa review era quello di esplorare la letteratura veterinaria e descrivere gli effetti della musica su bovini, suini e pollame.

Pagina 1 di 10

vetchannel nero

VETCHANNEL.IT
La formazione professionale on demand
quando vuoi, dove vuoi.

Vetpedia

eveditoria Editoria Scientifica

0
Shares
0
Shares